Granada Tourist Guide Guía turística de Granada Guida informazioni Granada Granadai vendég kalauz Ghid turistic granadatourist.com Туристическая информация о Гранаде Przewodnik po Granadzie Granada Hauptstadt Information Tourismus Andalusien Guide du tourisme à Grenade Toeristische gids van Granada

Granada


 


Granada

Alhambra e Generalife
Calle Real s/n.

Orario di apertura: Estate (1/4 - 31/10). Lunedì - Domenica, 8.30 - 20.00. Inverno (1/11 - 31/3). Lunedì-Domenica, 8.30 - 18.00.

Granada - Alhambra

L’Alhambra fu costruita nel1238 come fortezza e zona residenziale.

Il nome Alhambra deve le sue origini a una parola araba che significa ‘castello rosso o vermiglio’, dovuto probabilmente alla tonalità di colore delle torri e delle mura che circondano tutta la collina della Sabica, che alla luce delle stelle è di un colore argentato, mentre alla luce del sole presenta un tono dorato. Ciò nonostante esiste una versione più poetica suggerita dagli esperti di storia araba: dato che la costruzione dell’Alhambra avveniva di notte, il riflesso della luce delle torce faceva sì che si vedesse di colore rossiccio da lontano. Costruita originalmente per fini militari, l’Alhambra fu una alcazaba (fortezza), un alcázar (palazzo) e una piccola medina (città), tutto in uno. Questo carattere triplo ci aiuta a spiegare l’enormità di caratteristiche distintive che presenta questo monumento.

La maggiore preoccupazione degli architetti dell’Alhambra fu quella di coprire tutti gli spazi con decorazioni, senza giudicare la dimensione dello spazio. Pensavano non ci fossero mai abbastanza elementi decorativi. Molti degli archi interni sono falsi archi, senza struttura ma solo per decorazione. Le pareti sono ricoperte di bellissime e estremamente abbondanti ceramiche e gessi. E i tetti dispongono di orditure di legno lavorati in maniera sensazionale.

Il palazzo di Generalife fu costruito nel secolo XIV accanto all’Alhambra come residenza dei monarca nazari, o musulmani di Granada. Il palazzo ci mostra l’incredibile architettura araba specialmente nelle sue sculture e nei suoi giardini. Derivato dal nome Yannat al-Arif, il suo nome potrebbe significare ‘giardini dell’architetto’ o anche ‘il giardino più eccelso’.

Si dice che questa villa da sogno fu la residenza estiva dei sultani, e di fatto fu luogo di riposo e divertimento, dove i monarca, accompagnati dalle loro spose, potevano rifugiarsi dalla stressante vita di palazzo. Gli arabi, così come gli andalusi di oggi, non cercavano sollievo dal calore stando all’aria aperta, ma ritirandosi in cortili e abitazioni appartate e all’ombra.

Per maggiori informazioni sugli orari di visita, biglietti, etc, cliccate qui.

La cattedrale
Gran Vía 5.
Orario di apertura: Lunedì-Sabato, 10.30 - 13.30 e 16.00 - 19.00, Domenica, 16.00 - 19.00.

La cattedrale di Granada

La costruzione della cattedrale di Granada fu ordinata dai Re Cattolici nel 1503, poco dopo aver riconquistato la città ai mori. La cattedrale fu disegnata dall’architetto San Juan Evangelista con uno stile misto tra rinascimentale e gotico. Più tardi, nel 1521, i Re Cattolici furono sepolti nella cappella reale della cattedrale.

La cattedrale, con le sue cinque navate, è considerata la costruzione rinascimentale più importante di Spagna. Costruita nel periodo di transizione tra il Gotico e il Rinascimento, mostra inoltre elementi di stile barocco. Particolare attenzione merita la cappella maggiore, le cappelle laterale e le sculture delle facciate. La cappella reale fu costruita tra il 1505 e il 1521 sotto il regno dei Re Cattolici. La facciata nord fu poi integrata in un secondo tempo all’interno della cattedrale.

Cappella Reale
Oficios 3.
Orario di apertura: Estate (1/4 - 1/10). Lunedì-Sabato, 10.30 - 13.00 e 16.00 - 19.00, Domenica, 11.00 - 13.00 e 16.00 - 19.00.
Inverno (1/11 - 31/3). Lunedi-Sabato, 10.30 - 13.00 e 15.30 - 18.30. Domenica, 11.00 - 13.00 e 15.30 - 18.30.

Granada - Cappella Reale

La cappella reale si trova nella parte nord della cattedrale e fu costruita durante lo stesso periodo.

I disegni per la cappella reale furono iniziati nel 1504 e fu costruita tra il 1505 e il 1521 da Enrique Egas. Fu scelta dai monarchi cattolici come luogo per la loro sepoltura. Però, visto che sia Isabella che Fernando morirono prima che la cappella venisse completata, fu necessario seppellirli inizialmente nel monastero di San Francisco nella Alhambra. Più tardi i loro resti furono spostati nella cappella appena questa fu terminata e sepolti vicini alla loro figlia regina Juan La Loca (Giovanna La Pazza) e suo marito Felipe El Hermoso (Filippo il Bello). Nonostante i piani originali prevedessero che i re venissero sepolti qui, ciò non accadde alla fine dato che al loro posto fu usato il monastero dell’Escoriale. I sepolcri furono scolpiti in bronzo dallo scultore italiano Domenico Fancelli.

Il Bañuelo (bagni arabi)
Carrera del Darro 31.
Orario di apertura: Dal Martedi al Sabato 10.00 - 14.00.

Il Bañuelo è una casa di bagni del secolo XI e uno dei pochi bagni arabi sopravvissuti e più antichi di Spagna.

Il Corral del Carbon
Mariana Pineda, 12
Orario di apertura: Lunedì-Venerdì 9.00 - 19.00, Sabato e Domenica 10.00 - 14.00.

Il Corral del Carbon

Il Corral del Carbon è un edificio del secolo XIV che nell’antichità fu utilizzato dai commercianti arrivati a Granada come hotel e magazzino. Oggi l’edificio ospita l’ufficio del turismo di Granada.

Monastero della Cartuja
Monasterio de la Cartuja s/n.
Orario di apertura: Estate (1/4 - 31/10). Lunedì-Sabato, 10.00 - 13.00 e 16.00 - 20.00. Inverno (1/11 - 31/3). Lunedì-Domenica, 10.00 - 13.00 e 15.30 - 18.30.

Monastero della Cartuja

Il progetto, che fu iniziato intorno al 1515, all’inizio voleva essere medievale quanto il proprio ordine dei certosini. Però i grandi ritardi accumulati che fecero durare la costruzione 3 secoli portarono come risultato un’opera ben lontana dagli ideali di povertà dell’ordine dei certosini. Così le decorazioni nella chiesa, nella sacrestia e el sacrario arrivano a dei livelli impressionanti dove si mescolano interessanti opere di Bocanegra, Sanchez Cotan e altri artisti, con meravigliosi lavori di intarsio e intarsiati di pietra, arti che vantavano una lunga tradizione a Granada.

Monastero di San Jeromino
Rector López Argüeta, 9
Orario di apertura: Estate (1/4 - 31/10). Lunedì-Sabato, 10.00 - 13.30 e 16.00 - 19.30, Domenica 11.00 - 13.30 e 16.00 - 19.30.
Inverno (1/11 - 31/3). Lunedì-Sabato, 10.00 - 13.30 e 15.00 - 18.30. Domenica 11.00 - 13.30 e 15.00 - 18.30.

Monastero di San Jeromino

L’ordine dei Gerolamini ricevette una attenzione speciale da parte dei Monarca Cattolici, per questa ragione la fondazione del monatsero in Santa Fe precede la presa di Granada. Le opere cominciarono nel luogo attuale nel 1504, i suoi due chiostri sono completati da giardini, fontane, e aranceti. Parte della sua grande ricchezza si fonda sul fatto che la vedova del Gran Capitan scelse questo luogo come luogo di sepoltura per entrambi, sia per lei che per il suo valoroso marito. La chiesa adiacente dispone di un altare e un coro spettacolare grazie al lavoro degli artisti più significativi della Granada del secolo XVI e XVII.

Palazzo della Madraza
Oficios, 14
Orario di apertura: Lunedì-Venerdì, 08.00 - 22.00.

Palazzo della Madraza

Questo palazzo fu costruito dal re moro Yussuf I nel 1349 e in quel periodo fu utilizzato come università. Oggi il palazzo è utilizzato dall’università di Granada e l’unica parte originale che ancora si può trovare è la cappella.

Quartiere dell’Albaicin

Quartiere dell’Albaicin

L’Albaicin è un vecchio quartiere arabo della città. È una delle zone più affascinanti di Granada con una mescolanza originale di architetture arabe e cristiane. È situata su un monte di fronte all’Alhambra potendo godere di una delle viste più spettacolari di questo quartiere dai giardini delle rose dell’Alhambra e del Generalife. I Re Ziries furono i primi a stabilire qui la propria corte nel secolo XI, anche se oggi esistono pochi resti di questa epoca , a parte alcuni resti della antica muraglia di Granada (incluso la sezione che circondava l’Albacin e le entrate dell’Arco de las Pesas, Monaita e Elvira).

 

tornare su

successiva  

Limitazione di responsabilità: Abbiamo fatto il possibile perchè le informazioni contenute in questo sito siano il più precise possibile, ma sono fornite ‘così come sono’ e in nessun caso ci riterremo responsabili per perdite, danni o invonvenienti causati da, o in ogni modo connessi all’utilizzo di questo sito e delle sue informazioni.


 
Corsi di spagnolo in Spagna
    Corsi di spagnolo in Spagna  


Mappa di Granada
 ingrandire  

 

Introduzione | Storia di Granada | Informazioni utili | Mappe di Granada | Il tempo a Granada | Mezzi di trasporto | Monumenti a Granada

Musei a Granada| Vita notturna a Granada | Provincia di Granada | Ristoranti